Pubblicato da: Odo | 16 ottobre 2008

R.I.P. HardDisk 500GB e controllo SMART

samsung3

Si, è successo ancora, ieri sera il mio samsung da 500gb è diventato un hd da 30gb e non c’è stato modo per convincerlo a ridimensionarsi


Ho scritto “ancora”, perchè in quest’anno è già defunto  un hd da 400gb della Maxtor con pochi mesi di vita,  e alquanto deluso ho comprato un Samsung.
Stessa sorte, entrambi morti da un giorno all’altro, e  cosa drammatica entrambi non stressati da superlavoro
Non chiedetemi perchè, proprio non lo so, non so se sia un problema di costruzione, un problema di scheda madre che li frega, o altro…

Per il momento ho abilitato il controllo S.M.A.R.T. con il quale come si legge dal wiki almeno un 30% delle rotture dovrebbe essere prevedibile, certo non è tanto, ma di gran lunga migliore di uno  0%

*** Se non sapete quello che fate non continuate a leggere !!! ***

Per i temerari vediamo come abilitare SMART:

sudo apt-get install smartmontools

sono sicuro che sapete come vedere le device dei vostri hd, ma ricordiamolo a chi non lo sa:

sudo fdisk -l

una roba del genere:

Dispositivo Boot      Start         End      Blocks   Id  System
/dev/sda1               1        9944    79875148+  83  Linux
/dev/sda2           10200       19457    74364885   83  Linux
/dev/sda3            9945       10199     2048287+  82  Linux swap / Solari
s

il nostro device in questo caso è sda

vediamo se nel nostro HardDisk è disponibile il supporto SMART e se è abilitato:

sudo smartctl -i /dev/sda

=== START OF INFORMATION SECTION ===
Device Model:     MAXTOR STM3160212A
Serial Number:    5LSB3TG9
Firmware Version: 3.AAJ
User Capacity:    160,041,885,696 bytes
Device is:        Not in smartctl database [for details use: -P showall]
ATA Version is:   7
ATA Standard is:  Exact ATA specification draft version not indicated
Local Time is:    Thu Oct 16 13:10:29 2008 CEST
SMART support is: Available – device has SMART capability.
SMART support is: Disabled

Vediamo che ha disponibile il supporto SMART (Available), e che è disabilitato (SMART support is: Disabled)

abilitiamolo:

sudo smartctl -s on /dev/sda

=== START OF ENABLE/DISABLE COMMANDS SECTION ===
SMART Enabled.

Adesso si potrebbe fare qualche test tipo:

sudo smartctl -t short /dev/sda

Vi dirà il tempo previsto per eseguirlo e l’orario

Per guardare quello che succede e vedere il risultato:

sudo smartctl -l selftest /dev/sda

Ok.. abbiamo smanettato abbastanza, ora vediamo come fare per automatizzare il tutto, e magari notificarci con una email, se trova qualche problema.

Editiamo il file:

sudo gedit /etc/default/smartmontools

decommentiamo queste due righe:

# uncomment to start smartd on system startup
start_smartd=yes

# uncomment to pass additional options to smartd on startup
smartd_opts=”–interval=1800″

Salviamo e chiudiamo.

Ancora editiamo:

sudo gedit /etc/smartd.con

all’incirca alla riga 59 come da esempio scriviamo:

/dev/sda -H -C 0 -U 0 -d sat -m email

es: /dev/sda -H -C 0 -U 0 -d sat -m  pincopallino@alice.it Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ok avviamo il servizio:

sudo /etc/init.d/smartmontools start

e se volete controllare che sia stato attivato e abbia digerito la config guardate il file di log :

tail -n20 /var/log/syslog

Buona Fortuna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: